Domande frequenti

È una politica volta a garantire il rafforzamento della coesione economica, sociale e territoriale con l’obiettivo di ridurre le disparità di sviluppo fra le regioni ed uguagliare le opportunità socio-economiche dei cittadini. In Italia la politica di coesione è finanziata da risorse aggiuntive, comunitarie e nazionali, provenienti rispettivamente dal bilancio europeo (Fondi Strutturali e di Investimento Europeo -SIE- con obbligo di addizionalità) e nazionale (cofinanziamento nazionale ai Fondi Comunitari, Fondo per lo Sviluppo e la Coesione e risorse del Piano d’Azione per la Coesione).

Nell’ambito del bilancio pluriennale europeo, le politiche di coesione cofinanziate da risorse comunitarie vengono programmate per cicli settennali a partire dal 2000-2006. Sul portale OpenCoesione sono attualmente disponibili in formato aperto e navigabili i dati sui progetti in attuazione relativi ai cicli di programmazione 2007-2013 e 2014-2020.

In base alle regole finanziarie valide per i Fondi comunitari, la durata effettiva dei cicli di programmazione settennali si estende di ulteriori 2 o 3 anni (cd. regola “n+2” per il ciclo 2007–2013 e regola “n + 3” per il ciclo 2014-2020). In queste fasi finali, l’attuazione dei progetti dei Programmi cofinanziati dai Fondi comunitari per la coesione si sovrappone all’avvio del ciclo di programmazione successivo.

L’attuazione dei progetti finanziati da risorse interamente nazionali (Fondo per lo Sviluppo e la Coesione e  Piano d’Azione per la Coesione) avviene in continuità tra i diversi cicli di programmazione.

I Fondi Strutturali europei sono gli strumenti finanziari messi a disposizione dall’UE, con diversa intensità secondo i territori, per sostenere la politica di coesione. La dotazione comunitaria, con obbligo di cofinanziamento nazionale, viene stanziata nell’ambito del bilancio pluriennale europeo per cicli settennali a partire dal 2000-2006.

Nel ciclo 2007-2013 i Fondi Strutturali (FS) sono il Fondo europeo per lo sviluppo (FESR) e il Fondo sociale europeo (FSE). Il FESR sostiene programmi in materia di sviluppo regionale, di potenziamento della competitività, di investimenti nella ricerca e nello sviluppo sostenibile mentre il FSE è modellato sulla strategia europea per l’occupazione e si concentra sull’inclusione sociale e su un accesso al mercato del lavoro che sia privo di discriminazioni di genere.

Nel ciclo 2014-2020 i Fondi Strutturali e di Investimento Europeo (SIE) comprendono il Fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR), il Fondo sociale europeo (FSE) il Fondo Europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e il Fondo Europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP).

Il FESR sostiene programmi in materia di sviluppo regionale, di potenziamento della competitività, di investimenti nella ricerca e nello sviluppo sostenibile. Il FSE è modellato sulla strategia europea per l’occupazione e si concentra sull’inclusione sociale e su un accesso al mercato del lavoro che sia privo di discriminazioni di genere. Il FEASR è stato specificamente inserito nel quadro dei Fondi SIE nel ciclo 2014-2020. Esso sostiene la politica europea in materia di sviluppo rurale e, a tal fine, finanzia i programmi di sviluppo rurale svolti in tutti gli Stati membri e nelle regioni dell’Unione. Il FEAMP contribuisce alla sostenibilità della pesca e a uno sviluppo delle economie nelle regioni costiere europee.

I Fondi SIE sono attuati da Autorità di gestione (cioè Amministrazioni incaricate di gestire i fondi assegnati) attraverso Programmi Operativi che, nei diversi cicli di programmazione, possono avere scala nazionale (PON) o regionale (POR). Nel 2007-2013 esistevano in Italia anche Programmi Operativi di scala Interregionale (POIN).

La spesa certificata all’UE corrisponde alle richieste di rimborso delle spese sostenute che vengono presentate alla Commissione Europea dalle Amministrazioni titolari dei Programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali. Tali richieste, per ogni annualità contabile delle risorse impegnate sul bilancio comunitario per ciascun Fondo (FSE, FESR) e Programma Operativo, sono da presentare entro un determinato periodo di tempo, specificamente stabilito per ciascun periodo di programmazione. Le risorse che non risultino certificate alla Commissione entro i termini prestabiliti sono soggette a disimpegno automatico, cioè alla riduzione del finanziamento comunitario e del corrispondente cofinanziamento nazionale del Programma. Nel ciclo 2007-2013, per incoraggiare l’attuazione dei Programmi Operativi cofinanziati dai Fondi Strutturali,  l’Italia ha stabilito in sede di Comitato QSN del 9 aprile 2013 dei target infra-annuali nazionali per le spese effettivamente sostenute e certificate e quindi, oltre alla data del 31 dicembre di ciascun anno, la spesa certificata viene monitorata anche al 31 maggio e al 31 ottobre.

Qui puoi trovare informazioni sulle regole per la certificazione della spesa dei Fondi Strutturali all’UE per i cicli di programmazione 2007-2013 e 2014-2020 e puoi approfondire qual è la differenza tra spesa certificata e spesa monitorata.

Qui puoi scaricare gli Open data su dotazione finanziaria complessiva, target e spesa certificata all’UE.

I Grandi Progetti sono investimenti finanziati nell’ambito dei Fondi Strutturali europei finalizzati a conseguire risultati di ampia portata strategica. Al loro interno si distinguono due tipologie essenziali: investimenti per infrastrutture (ad es. ferrovie, metropolitane, porti, autostrade, depuratori e reti idriche, grandi restauri, reti di banda ultra larga) e investimenti produttivi (aiuti per lo sviluppo di grandi impianti industriali). 

Per il ciclo 2014-2020 sono i progetti con importo superiore a 75 milioni di euro che contribuiscono all’Obiettivo Tematico 7 – “Promuovere il trasporto sostenibile e migliorare le infrastrutture di rete”.

Nel ciclo 2007-2013 l’ammontare finanziario dei Grandi Progetti era fissato superiore a 50 milioni di euro.

A differenza dei progetti “ordinari” dei Programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali, che sono autonomamente selezionati e ammessi a finanziamento dall’Autorità di Gestione del Programma Operativo di riferimento, i Grandi Progetti sono soggetti a specifiche procedure di istruttoria e approvazione da parte della Commissione europea. Nel corso di tale procedura vengono valutati numerosi profili di interesse europeo tra cui, oltre all’ammissibilità generale, l’analisi di costi e benefici e di redditività finanziaria, la compatibilità ambientale e il rispetto delle direttive in materia, la compatibilità con le regole sul mercato interno e sulla concorrenza, inclusa la presenza di eventuali aiuti di stato. La procedura si  conclude con una decisione di approvazione da parte della Commissione che ne sancisce i contenuti tecnici essenziali, la spesa ammissibile e il piano finanziario pluriennale, identificando il Grande Progetto con un codice univoco a livello europeo (Codice Comune di Identificazione, CCI), analogo a quello attribuito ai Programmi cofinanziati con i Fondi Strutturali. Nel caso di eventuali modifiche o integrazioni di un Grande Progetto nel corso dell’attuazione, è necessario seguire la medesima procedura che porta ad una nuova decisione della Commissione europea.

Ai fini del monitoraggio, i Grandi Progetti possono essere monitorati come singoli progetti o come progetti diversi, a seconda delle caratteristiche dello specifico Grande Progetto. Negli open data i progetti appartenenti ad un Grande Progetto sono riconoscibili dalla variabile COD_GRANDE_PROGETTO, in cui è valorizzato il codice CCI del Grande Progetto (cfr. metadati).

Gli strumenti finanziari non sono considerati Grandi Progetti.

Per il periodo 2014-2020 il riferimento normativo fondamentale è costituito dal Regolamento (UE) 1303/2013 (articoli 100-103). Per il ciclo 2007-2013 valeva il Regolamento (CE) n. 1083/2006 (articoli 39-41). Importanti indicazioni tecniche e gestionali sui Grandi Progetti sono inoltre fornite in diverse norme comunitarie successive tra cui gli orientamenti sulla chiusura dei Programmi Operativi 2007-2013, allegati alla Decisione C(2015) 2771 (per le regole applicabili ai Grandi Progetti non completati nel 2007-2013 e, in particolare, per quelli a cavallo con la programmazione 2012-2020 vedi anche questa FAQ).

Il Performance framework (Quadro di riferimento dell’efficacia dell’attuazione) è uno strumento introdotto nel ciclo di programmazione 2014-2020 per migliorare l’efficacia dell’attuazione dei programmi delle politiche di coesione cofinanziati da risorse europee (art. 21 e 22 del Reg CE 1303/2013).

Si basa su un sistema di indicatori definiti a livello di Asse prioritario per ciascun Programma Operativo, che rileva principalmente l’attuazione finanziaria e le realizzazioni fisiche delle operazioni. E’ previsto anche un indicatore che rileva l’avanzamento procedurale (Key implementation steps) ed è utilizzato nella verifica intermedia del 2018 (target intermedio) per quelle operazioni la cui conclusione era prevista, già in fase di definizione del Programma, dopo il 2018 (data di rilevazione intermedia).

Per tutti gli indicatori sono fissati due target: uno intermedio al 2018 e uno finale al 2023.

Il metodo per definire il quadro di riferimento del Performance Framework è descritto nell'allegato II del Reg CE 1303/2013 e per l’Italia è dettagliato nel par. 2.4 dell’Accordo di Partenariato.

Nel 2019 la  Commissione, in cooperazione con gli Stati membri, effettua la verifica intermedia dell’attuazione (performance review) e attribuisce la riserva di efficacia agli Assi che hanno conseguito i target intermedi. Un livello non soddisfacente di conseguimento dei target intermedi e finali può determinare anche sanzioni (sospensioni dei pagamenti nel 2019 e correzioni finanziarie nel 2025). La verifica intermedia e finale del Performance framework si basa sulle informazioni e valutazioni fornite nella Relazione annuale sullo stato di attuazione presentata dalle Autorità di Gestione (rispettivamente entro il 30 giugno 2019 e il 30 giugno 2024) che, in Italia, devono avere piena corrispondenza con i dati del Sistema nazionale di monitoraggio, fonte del portale OpenCoesione.

La data del 31 dicembre 2013, che corrisponde in teoria alla fine del ciclo di programmazione 2007-2013, non ha coinciso con l’effettivo termine di attuazione dei progetti dei programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali europei nel ciclo 2007-2013. In base alle regole di esecuzione del bilancio comunitario vigenti, la cosiddetta regola dell’ “n+2” l’attuazione del ciclo è proseguita nel biennio successivo, ovvero fino al 31 dicembre 2015, data ultima entro la quale i pagamenti effettivamente sostenuti dai beneficiari, sui progetti/operazioni, potevano essere imputati a carico del bilancio UE. Il contributo finanziario del bilancio UE ai relativi Programmi 2007-2013 è quindi rimasto utilizzabile per altri due anni dopo il 31 dicembre 2013.

Un’eccezione riguarda i cosiddetti Strumenti di Ingegneria Finanziaria (che hanno una regolamentazione specifica) per i quali la data ultima per poter effettuare pagamenti a favore di destinatari finali era fissata al 31 marzo 2017.

In linea generale dunque, il 31 dicembre 2015 era la data ultima per effettuare pagamenti a valere su risorse comunitarie del ciclo 2007-2013. Per portare a termine i progetti che a tale data risultavano ancora non conclusi e non funzionanti si sono delineate due possibilità: 

1. i progetti rispettano determinati requisiti, descritti oltre, e dunque possono essere completati anche con risorse comunitarie del ciclo 2014-2020. Tali progetti vengono inseriti anche nei nuovi programmi 2014-2020 e presentano pertanto un’articolazione finanziaria che, per la parte comunitaria, include sia risorse 2007-2013 che 2014-2020, 

2. i progetti non possiedono i requisiti richiesti e dunque devono essere completati facendo ricorso solo a risorse proprie dello Stato membro (nazionali, regionali o locali). La quota di spesa già effettuata sui programmi comunitari 2007-2013 entro il 31 dicembre 2015 può mantenersi ammissibile se il completamento effettivo dei progetti avviene entro limiti temporali prestabiliti, cioè entro la scadenza per la presentazione della documentazione finale a chiusura dei programmi (31 marzo 2017) oppure entro il 31 marzo 2019 per i progetti “non funzionanti”, cioè non completati e in uso al momento della presentazione dei documenti di chiusura dei programmi.

Di seguito si riportano sinteticamente i requisiti richiesti per poter inserire nella programmazione comunitaria 2014-2020 progetti già finanziati nel 2007-2013:

- per i Grandi Progetti (che per il ciclo 2007-2013, ai sensi del Regolamento CE n. 1083/2006, sono investimenti di costo complessivo superiore ai 50 milioni di euro, caratterizzati da indivisibilità tecnica ed economica dei lavori, per i quali è necessaria una specifica approvazione da parte della CE):

· il progetto non deve essere stato approvato dalla Commissione come Grande Progetto anche nell'ambito del periodo di programmazione 2000-2006;

· il progetto deve prevedere due fasi chiaramente identificabili da un punto di vista materiale e finanziario, al fine di ammettere al finanziamento dei Fondi Strutturali 2014-2020 la seconda fase del progetto;

· è necessaria una  domanda di modifica del Grande Progetto al fine di ridurre la dotazione finanziaria riferibile al periodo 2007-2013 (prima fase) mantenendo al contempo l'obiettivo generale originario che risulta quindi da realizzare entro il periodo 2014-2020, al termine  della seconda fase del progetto stesso;

- per tutti gli altri progetti (ad eccezione degli Strumenti di Ingegneria Finanziaria, i quali non sono divisibili in fasi):

· il progetto non deve essere stato selezionato dallo Stato membro nell'ambito del periodo di programmazione 2000-2006;

· il costo totale del progetto deve essere pari o superiore a 5 milioni di euro;

· il progetto deve prevedere due fasi chiaramente identificabili da un punto di vista materiale e finanziario al fine di ammettere al finanziamento dei Fondi Strutturali 2014-2020 la seconda fase del progetto.

Sia nell’uno che nell’altro caso, la seconda fase del progetto deve avere i requisiti di ammissibilità previsti per il finanziamento a valere sui Fondi Strutturali nell'ambito del periodo 2014-2020.

Ulteriori dettagli sono riportati nell’Allegato della decisione della Commissione sull'approvazione degli orientamenti sulla chiusura dei programmi operativi adottati per beneficiare dell'assistenza del Fondo europeo di sviluppo regionale, del Fondo sociale europeo e del Fondo di coesione (2007-2013).

 

Il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) è lo strumento finanziario alimentato con risorse aggiuntive nazionali attraverso cui lo Stato Italiano persegue il principio della coesione territoriale sancito dall’Articolo 119 della Costituzione. Il Fondo, precedentemente denominato Fondo per le Aree Sottoutilizzate (ex FAS), è stato istituito con la Legge Finanziaria 2003 (articolo 61 della Legge 289/2002) con l’obiettivo di dare unità programmatica e finanziaria alle risorse aggiuntive nazionali stanziate per il riequilibrio economico e sociale tra le diverse aree del Paese.

In particolare, il Fondo finanzia gli interventi speciali dello Stato e l’erogazione di contributi speciali di carattere infrastrutturale ed immateriale, di rilievo nazionale, interregionale e regionale ed aventi natura di grandi progetti o di investimenti articolati in singoli interventi tra loro funzionalmente connessi. Le risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione sono indirizzate per l’80% al Mezzogiorno e per il 20% al Centro-Nord maggiori dettagli vai qui.

I progetti in attuazione in ambito Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) alimentano il Sistema di monitoraggio unitario e sono monitorati su OpenCoesione insieme ai progetti in attuazione nell'ambito dei Programmi finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei del ciclo 2007-2013 e 2014-2020 e ai progetti finanziati dal Piano d’Azione per la Coesione.

Il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) viene programmato attraverso Assegnazioni finanziarie deliberate dal Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE).

 

Il Piano d’Azione per la Coesione (PAC) è stato avviato nel corso del 2011 come manovra per accelerare l’attuazione dei programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali 2007-2013 e rafforzare l’efficacia degli interventi.

Nel corso del ciclo 2007-2013 il PAC è finanziato da risorse nazionali derivanti dalla riduzione del tasso di cofinanziamento nazionale dei Programmi Operativi e da risorse riprogrammate attraverso rimodulazione interna ai medesimi Programmi.

Nel ciclo di programmazione 2014-2020 l’esperienza del PAC continua nei Programmi  Operativi Complementari (POC) finanziati da una quota delle risorse del Fondo di Rotazione che affiancano il cofinanziamento nazionale dei Programmi Operativi dei Fondi Strutturali e di Investimento Europei.

Le risorse delle politiche di coesione sono allocate secondo un criterio territoriale che favorisce le aree più svantaggiate. 

Per quanto riguarda le risorse europee, le regioni con un PIL pro capite inferiore al 75% della media comunitaria sono le maggiori destinatarie dei fondi, attraverso progetti che ne favoriscono la crescita e la convergenza. Nel corso dei periodi di programmazione le regioni italiane sono state suddivise in: “Obiettivo 1/Obiettivo 2”  (fino al 2000-2006), “Convergenza/Competitività” (nel periodo 2007-2013), “Regioni meno sviluppate/Regioni in transizione/Regioni più sviluppate” (nel periodo 2014-2020).

Nel 2007-2013, le regioni dell’Obiettivo Europeo “Convergenza” sono Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con la Basilicata in fase di sostegno transitorio. Tutte le altre fanno parte dell’Obiettivo “Competitività”.

Nel 2014-2020, le “Regioni meno sviluppate” sono Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia; Abruzzo, Molise e Sardegna sono le “Regioni in transizione” mentre le “Regioni più sviluppate” sono Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto, Umbria e le Province Autonome di Bolzano e di Trento.

Per quanto riguarda le risorse nazionali, il criterio di classificazione è geografico, con le regioni italiane suddivise in “Mezzogiorno” (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) e “Centro-Nord” (tutte le altre).

Su OpenCoesione sono navigabili e scaricabili in formato aperto i dati sull’attuazione dei singoli progetti dalle politiche di coesione, con il supporto finanziario dei Fondi Strutturali e di investimento Europei (SIE), del Fondo nazionale per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) e del Piano d’Azione per la Coesione (PAC). In particolare, per ogni progetto in attuazione sono presenti informazioni su risorse assegnate ed effettivamente spese, localizzazioni, ambiti tematici, soggetti coinvolti, tempi  e indicatori di realizzazione e serie storica degli impegni e dei pagamenti puntuali. 

Su OpenCoesione sono scaricabili anche informazioni sulle Risorse programmate, le Dotazioni finanziarie di Piani e Programmi, sulle Opportunità di finanziamento, i bandi di gara e le liste di progetti/operazioni ammessi a finanziamento nei Programmi cofinanziati dai fondi SIE 2014-2020 e sulla spesa certificata all’Unione Europea; i dati sul contesto del territorio in cui si attuano i progetti delle politiche di coesione (indicatori territoriali e tematici Istat e Conti Pubblici Territoriali).

Attenzione! Solo una selezione di tutte le informazioni collegate alle politiche di coesione scaricabili in formato Open data è navigabile con visualizzazioni interattive sul portale. Per saperne di più, vai qui.

A partire dal menù principale in alto nella Home Page di OpenCoesione è possibile consultare le informazioni sui singoli progetti pubblicate anche in modo aggregato per Natura, Temi e Territori (dal menu Progetti), e per singoli o gruppi di Programmi.

Non ci sono i dati sui progetti in attuazione nell’ambito dell’obiettivo della Cooperazione Territoriale Europea (CTE), conosciuto anche con il nome di “Interreg” (maggiori dettagli qui).

Non ci sono informazioni sulle irregolarità rispetto ai progetti delle politiche di coesione: per la parte Europea, i regolamenti prevedono procedure specifiche per la gestione delle irregolarità, cioè delle generiche violazioni di disposizioni che determinano un pregiudizio al bilancio comunitario e quindi un recupero da parte della Commissione degli importi da essa indebitamente versati. L’ Organismo dedicato ad evidenziare frodi e casi giudiziari sui beneficiari dei Fondi Strutturali è l’OLAF, che però pubblica solo dati aggregati (http://ec.europa.eu/anti_fraud/index_it.htm).

OpenCoesione si rivolge a tutti: cittadini, amministratori, tecnici e imprenditori dell’innovazione, ricercatori e giornalisti perché tutti abbiano a disposizione dati e informazioni per valutare l’efficacia e la coerenza dell’impiego delle risorse delle politiche di coesione.

Scopri OpenCoesione con documenti e video sull’iniziativa.

Segui OpenCoesione iscrivendoti alla newsletter.

Sollecita OpenCoesione contribuendo attivamente ad iniziative di partecipazione e riuso.

Qui, puoi inviare idee, consigli, segnalazioni e esempi di riuso (applicazioni, servizi, ricerche) che si basano sui dati di OpenCoesione.

I progetti in OpenCoesione si riferiscono a azioni finanziate nell’ambito delle politiche di coesione e individuate da un atto amministrativo autonomo (per esempio, un bando, una graduatoria, un’intesa, un contratto, etc.). In alcuni casi più progetti sono parte di un singolo intervento o sono tra loro coordinati nell’ambito di un’unica strategia di intervento. Poiché le politiche di coesione intervengono in settori molto diversificati, i progetti possono avere dimensioni finanziarie, estensioni territoriali e contenuti tematici tra loro molto diversi. Possono riguardare grandi opere infrastrutturali, cosi come un singolo individuo beneficiario di un aiuto o altra forma di contributo (per esempio un voucher). Altra fonte dell’ eterogeneità che caratterizza i progetti è legata alle diverse modalità di monitoraggio adottate dalle Amministrazioni competenti che hanno spazi di discrezionalità nell’identificazione,  tra i vari interventi, dell’unità progetto.

A ciascun progetto è assegnato un Codice Unico di Progetto (CUP).

Per i progetti in attuazione sul portale si visualizzano alcune delle informazioni scaricabili in formato Open data che rappresentano a loro volta un sottoinsieme delle informazioni previste dal Sistema di monitoraggio unitario.

Il portale stesso è quindi il primo esempio di riuso dei dataset completi  pubblicati su OpenCoesione con l’obiettivo di offrire a tutti gli utenti, anche ai non addetti ai lavori, una guida interattiva per navigare la complessità dei dati sui progetti finanziati dalle politiche di coesione. Tra le funzionalità offerte dal portale c’è la visualizzazione di una scheda disponibile per ogni singolo progetto e l’applicazione di filtri (ciclo di programmazione/natura/temi/territori/fonte/programmi/stato del progetto/valore/anno di inizio) per la ricerca di specifici insiemi di progetti. Inoltre, il portale fornisce in associazione  alle diverse query effettuate dagli utenti, la lista dei progetti con maggiori finanziamenti, degli ultimi progetti conclusi e dei Comuni con maggiori finanziamenti pro capite.

Da OpenCoesione l’utente ottiene anche suggerimenti sui progetti che potrebbero essere "simili"  a quello che si sta visualizzando se localizzati nello stesso territorio in base a quattro criteri:

•  progetti che hanno stessa classificazione tematica (campi dei metadati: oc_tema_sintetico e qsn_descr_tema_prioritario_ue)

•  progetti che hanno stessa natura dell'intervento (campi dei metadati: cup_descr_natura e cup_descr_tipologia)

•  progetti con stesso soggetto programmatore

•  progetti con stesso soggetto attuatore

Attenzione! Per alcuni dei progetti pubblicati su OpenCoesione sono disponibili anche alcune informazioni extra rispetto alla selezione di variabili tratte dalle fonti del portale e provengono da Open data pubblicati da altre Amministrazioni con cui OpenCoesione arricchisce la scheda progetto visualizzata.  È il caso delle sintesi degli interventi presenti per i progetti del Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica FESR 2007-2013 e del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività FESR 2007-2013. In questi casi, la scheda progetto riporta anche i link alla fonte diretta.

Per i progetti in attuazione è disponibile un sottoinsieme delle informazioni previste dal Sistema di monitoraggio unitario, relative al costo e all’avanzamento finanziario del progetto, al suo ambito settoriale o tematico, al luogo in cui si realizza, ai soggetti coinvolti, ai tempi di realizzazione e alla serie storica bimestrale degli impegni e dei pagamenti.

Il dettaglio e l’esaustività dei dati possono dipendere, oltre che da incoerenze riscontrate nei dati, dal disomogeneo caricamento delle informazioni nel Sistema di monitoraggio unitario da parte delle Amministrazioni competenti.

I dati sui progetti, corredati dai relativi metadati, possono essere scaricati nella pagina open data in forma di base dati relazionale completa (nella sezione “La base dati dei progetti di OpenCoesione”) che come singola tabella facilmente rielaborabile (nella sezione “Tutti i progetti di OpenCoesione”). Possono inoltre essere scaricati in forma rielaborabile (formato .csv) come risultato di interrogazioni create ad hoc attraverso i filtri disponibili (es. tema, territorio e tipologia di intervento) su OpenCoesione.

La base dati di OpenCoesione è costituita in totale da 16 dataset, tutti collegati al dataset principale “Progetti” che contiene i dati anagrafici di tutti i progetti in attuazione disponibili sul portale. I dataset Progetti/Soggetti/Localizzazioni/Fasi/Indicatori contengono dati puntuali di monitoraggio, mentre i dataset Impegni e Pagamenti riportano, sotto forma di serie storica, gli importi relativi ai singoli pagamenti effettuati e gli impegni di spesa assunti per ogni progetto. Nei dataset “Ambito” sono contenute le informazioni di dettaglio su come si articolano i progetti in base al Programma o Piano di appartenenza, distintamente per ciclo di programmazione e fonte di finanziamento. I progetti che confluiscono in più ambiti di programmazione (ad esempio progetti finanziati con fondi FESR e FSC nel ciclo 2014-2020) sono presenti nei relativi dataset di ambito (ambito FESR1420 e ambito FSC1420).

Il dataset unico “Progetti con tracciato esteso” costituisce una versione compatta della base dati di OpenCoesione, poiché aggiunge alle informazioni anagrafiche dei progetti anche quelle sulla localizzazione, sulle fasi procedurali, sui soggetti collegati, sugli indicatori associati e sull’articolazione e classificazione all’interno di Programmi o Piani. Non include i dati in serie storica degli impegni e dei pagamenti.

Nel caso l’interesse dell’utente sia indirizzato ad un ciclo di programmazione oppure ad uno o più specifici ambiti di programmazione, territori regionali o temi, i dati del dataset “Progetti con tracciato esteso” si possono scaricare anche disaggregati, tenendo conto del fatto che i progetti che confluiscono in più regioni o fondi possono risultare ripetuti nei singoli dataset di riferimento.

Sul portale viene visualizzato di default un perimetro ridefinito al netto di alcuni progetti di prossima disattivazione, di conseguenza il numero di record del dataset Progetti scaricabile dalla pagina open data è superiore al numero di progetti come riportato sul portale, e coincide con il numero di progetti oggetto dei Bollettini RGS-IGRUE.

Attenzione! I dati scaricati nella pagina Open data contengono un numero di variabili maggiore rispetto a quanto visualizzato nelle schede progetto e soggetto del portale. 

Per i progetti in attuazione finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento europei e dalle risorse nazionali (Fondo nazionale per lo Sviluppo e la Coesione e dal Piano d’Azione per la Coesione) per i periodi di programmazione 2007-2013 e 2014-2020 la fonte è il Sistema di monitoraggio unitario, alimentato secondo protocolli comuni (maggiori info qui) dalle Amministrazioni titolari dei Programmi e gestito dall’Ispettorato Generale per i Rapporti finanziari con l’UE (IGRUE) della Ragioneria Generale dello Stato.

Le Amministrazioni regionali e centrali che gestiscono i fondi sono quindi la fonte principale dell’informazione restituita su OpenCoesione. Sono state tuttavia effettuate alcune elaborazioni per facilitare la fruibilità e la coerenza delle informazioni. Tali variabili sono identificabili nei dataset pubblicati in formato aperto con il suffisso OC_.

Per scaricare gli Open data e i relativi metadati sui progetti delle politiche di coesione, vai qui.

Il portale OpenCoesione pubblica i dati sui progetti in attuazione finanziati dalle politiche di coesione contenuti nel Sistema di Monitoraggio Unitario (2007-2013 e 2014-2020) gestito da RGS-IGRUE. Nella fase di chiusura amministrativa dei Programmi Operativi cofinanziati con Fondi Strutturali europei del ciclo 2007-2013, a partire dall’aggiornamento dei dati al 31 dicembre 2016, vengono adottate delle modalità di pubblicazione che, tenuto conto del progressivo assestamento dei dati, sono volte a restituire la lettura più coerente e rappresentativa possibile dell’intervento delle politiche di coesione. 

In particolare, è stata introdotta una nuova funzionalità che consente di visualizzare di default dati e conteggi di un perimetro ridefinito al netto di alcuni progetti che, pur presenti con uno stato “attivo” nel Sistema di Monitoraggio Unitario, dovranno essere disattivati nei successivi aggiornamenti bimestrali da parte delle diverse Amministrazioni responsabili, in quanto duplicazioni di altri progetti attivi o di fatto mai avviati nei Programmi Operativi. Pertanto, tali progetti vengono sistematicamente esclusi da tutte le visualizzazioni e i conteggi del portale come, ad esempio, quelli riportati in homepage e nelle pagine aggregate per Natura, Temi, Territori e Programmi.

Anche gli esiti delle ricerche restituiscono di default elenchi allineati a visualizzazioni e conteggi, mostrando solo i “Progetti pubblicati”. Tuttavia, per garantire il massimo livello di trasparenza sui contenuti del Sistema di Monitoraggio Unitario, i dati dei progetti in via di disattivazione possono essere ricompresi nell’elenco dei risultati usando il nuovo filtro “Visualizzazione”, selezionando anche i “Progetti esclusi”. 

I progetti esclusi da visualizzazione e conteggi sono comunque compresi nell’universo di Tutti i Progetti di OpenCoesione pubblicati nella sezione open data: a tal fine nel tracciato nel dataset “Progetti” dei cataloghi open data, i progetti esclusi sono classificati con modalità diverse da 0 della nuova variabile “OC_FLAG_VISUALIZZAZIONE”. Questo significa che per ricostruire i totali dei conteggi pubblicati sul portale partendo dagli open data, è necessario selezionare tutti i progetti per cui la variabile “OC_FLAG_VISUALIZZAZIONE” è uguale a 0.

No, si tratta di due sistemi informativi distinti, ma per il ciclo 2014-2020 è stato adottato un tracciato dati standard che rappresenta una soluzione di continuità rispetto al ciclo precedente.

Per i documenti tecnici consulta qui.

No, si tratta di due sistemi informativi distinti, pur  mantenendo un impianto informativo unitario che si è evoluto in continuità rispetto alle principali variabili osservate.

Per i documenti tecnici consulta qui.

A partire dall’aggiornamento dei dati monitorati al 28/02/2019 sul portale OpenCoesione i seguenti Programmi i cui progetti sono stati monitorati con il sistema informativo del ciclo 2014-2020, vengono correttamente riassociati al ciclo di programmazione 2007-2013:

 

Congiuntamente i seguenti Programmi monitorati con il sistema informativo del ciclo 2007-2013, vengono correttamente riassociati al ciclo di programmazione 2014-2020:

  • 2016ABAMPSAP01 - PIANO STRALCIO AREE METROPOLITANE REGIONE ABRUZZO
  • 2016EMAMPSAP02 - PIANO STRALCIO AREE METROPOLITANE REGIONE EMILIA ROMAGNA
  • 2016LIAMPSAP03 - PIANO STRALCIO AREE METROPOLITANE REGIONE LIGURIA
  • 2016LOAMPSAP06 - PIANO STRALCIO AREE METROPOLITANE REGIONE LOMBARDIA
  • 2016SAAMPSAP04 - PIANO STRALCIO AREE METROPOLITANE REGIONE SARDEGNA
  • 2016TOAMPSAP05 - PIANO STRALCIO AREE METROPOLITANE REGIONE TOSCANA
  • 2016VEAMPSAP07 - PIANO STRALCIO AREE METROPOLITANE REGIONE VENETO

I citati Programmi nel passaggio sono confluiti nel Piano Stralcio dissesto idrogeologico.

A seguito della chiusura amministrativo-contabile dei Programmi Operativi cofinanziati dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 (cfr FAQ sulle regole di chiusura) i dati riferiti al ciclo di programmazione 2007-2013 pubblicati su OpenCoesione sono entrati in una fase di progressivo assestamento. Essa riguarda sia l'insieme di progetti che il loro relativo piano finanziario, ed è tesa a garantire piena convergenza tra il totale dell'attuazione dei progetti e la dotazione finanziaria di ciascun Programma.

L’effetto di tale assestamento può comportare la suddivisione di alcuni progetti su due periodi di programmazione (cosiddetti “progetti a cavallo”, cfr. Circolare RGS-IGRUE n. 61216 del 31 marzo 2017) o la disattivazione nel monitoraggio da parte delle Autorità di Gestione di progetti non più imputabili agli stessi Programmi con contestuale attivazione in altri contenitori programmatici e relativa copertura finanziaria da parte di altre fonti.

L’assestamento dei dati vede anche la correzione di alcune anomalie oggetto di specifiche segnalazioni alle Amministrazioni titolari, volte alla progressiva risoluzione di incoerenze riscontrate.

Per tenere conto di questo processo di assestamento dei dati, a partire dall’aggiornamento al 31 dicembre 2016, sul portale OpenCoesione vengono adottate delle modalità di visualizzazione volte a restituire la lettura più coerente e rappresentativa possibile del complesso dell’intervento delle politiche di coesione (cfr. FAQ su quali progetti sono visualizzati su OpenCoesione).

L'inserimento nel Sistema Nazionale di Monitoraggio dei dati sui progetti in attuazione avviene separatamente e parallelemanete da parte delle varie Amministrazioni titolari del monitoraggio dei Programmi. 

Con l'aggiornamento al  28/02/2019 si completa il quadro dei dati di monitoraggio dei progetti provenienti da tutti i Programmi Operativi FESR e FSE e si escludono, seppur temporaneamente, le informazioni preliminari sui progetti finanziati con risorse del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) su cui sono ancora  in corso gli approfondimenti tecnici per la corretta alimentazione del  Sistema di Monitoraggio Unitario.

Sul portale OpenCoesione è disponibile l’elenco delle opportunità di finanziamento offerte ai potenziali beneficiari dei Programmi finanziati dalle politiche di coesione per il ciclo 2014-2020.

L’elenco costituisce una raccolta in formato standardizzato di quanto pubblicato dalle Amministrazioni titolari di Piani e Programmi Operativi cofinanziati dai Fondi SIE e viene progressivamente esteso a tutti i Piani e Programmi finanziati con risorse delle politiche di coesione (qui l’elenco delle fonti).

Le opportunità, differenziate tra quelle in corso e quelle scadute, sono riportate in ordine cronologico di scadenza, a partire da quelle con le scadenze più prossime per la presentazione delle proposte progettuali. Se più opportunità hanno la stessa data di scadenza, esse vengono ordinate per Programma e quindi per importo decrescente.

Alcune delle opportunità, tuttavia, non hanno una scadenza definita e rimangono aperte fino all’esaurimento dei fondi disponibili: si tratta delle opportunità dette “a sportello” nella colonna Tipo Opportunità e poste in fondo alla tabella insieme agli avvisi di pre-informazione, anch’ essi identificati nella stessa colonna.

Tutte le colonne possono essere riordinate, a seconda dell’esigenza degli utenti, in modo crescente o decrescente, ad esempio per Programma che offre l’opportunità, per data di pubblicazione, per dotazione finanziaria delle iniziative e infine per tipologia (a scadenza, a sportello, pre-informazione).

E’ possibile, inoltre, effettuare ricerche sulle opportunità utilizzando il motore di ricerca in testo libero, che opera sull’intero elenco a prescindere dal numero di righe visualizzate, anche utilizzando più chiavi di ricerca. Ad esempio, per cercare opportunità che contengono nel titolo la parola “innovazione”, pubblicate  dalla Regione Calabria, con una scadenza definita (“a scadenza”), si possono inserire nella maschera di ricerca le tre parole: innovazione, Calabria e scadenza. Poiché la ricerca si basa esattamente sul testo inserito nella maschera, è consigliabile avviare una ricerca con chiavi generali e nel caso affinare i criteri successivamente.

I dati dell’elenco, che viene generalmente aggiornato con cadenza quotidiana, vengono resi disponibili anche in formato aperto, attraverso un file .csv  pubblicato sia nella stessa pagina con l’elenco delle opportunità sia nella sezione open data del portale, che contiene anche ulteriori variabili relative al Fondo, alla tipologia di beneficiario e al tema di riferimento di ciascuna opportunità.

Di seguito sono indicate le principali fonti per i dati sul contesto delle politiche di coesione che si possono scaricare da OpenCoesione:

Per scaricare gli Open data e i relativi metadati sul contesto delle politiche di coesione, vai qui.

Si, i dati scaricati nella sezione Open data contengono un numero di variabili maggiore rispetto a quanto visualizzato nelle schede progetto del portale e rispetto ai csv risultato di query sul portale stesso. In quest’ultimo caso infatti, al fine di favorire un’interpretazione immediata e coerente rispetto alla ricerca effettuata, il file scaricato restituisce un set di variabili ristretto rispetto a quello disponibile sui file completi.

Sì, per alcuni dei progetti pubblicati su OpenCoesione sono disponibili alcune informazioni extra rispetto alla selezione di variabili tratte dalle fonti del portale e provengono da Open data pubblicati da altre Amministrazioni con cui OpenCoesione arricchisce la scheda progetto visualizzata.  È il caso delle sintesi degli interventi presenti per i progetti del Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica FESR 2007-2013 e del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività FESR 2007-2013. In questi casi, la scheda progetto riporta anche i link alla fonte diretta. 

In aggiunta ai consueti dati di monitoraggio sui progetti finanziati dalle politiche di coesione, in virtù dell’accordo con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (MIUR), sono disponibili su OpenCoesione anche informazioni sul numero complessivo di alunni, docenti e adulti che hanno effettivamente fruito di corsi formativi per ambito disciplinare, gli importi per tipologie di intervento infrastrutturale finanziati e altre informazioni sugli interventi  e le scuole coinvolte. Tali dati riguardano riguardano i progetti gestiti dal MIUR in qualità di Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale (PON) del Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 “Competenze per lo Sviluppo” e del PON del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2007-2013 “Ambiti per l’apprendimento” e quelli per i quali il MIUR ha operato quale Organismo Intermedio finanziati dai Programmi Operativi Regionali (POR) FESR e FSE di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, compresi quelli riprogrammati negli stessi POR nell’ambito del Piano di Azione per la Coesione (PAC). I dataset da cui vengono attinte le informazioni  sono disponibili a questo link del sito Open data del MIUR. Eventuali ulteriori finanziamenti destinati alle scuole dai Programmi Operativi Regionali (POR) o dal Fondo Sviluppo e Coesione non sono inclusi in questo universo.

Nella sezione “Focus scuole” è possibile consultare l’elenco dei progetti  e scaricare i file csv, con una selezione delle variabili rilevanti tratte dagli open data di OpenCoesione e da quelli del MIUR (cfr. metadati), oltre a una selezione di indicatori aggregati, selezionati ad hoc e costruiti a partire dai dati sul numero di iscritti per i diversi ambiti disciplinari cui si riferiscono le iniziative formative attivate con risorse FSE, la ripartizione degli importi assegnati alle diverse tipologie di interventi infrastrutturali realizzati con risorse FESR, il numero d’iscritti ai corsi ripartito per gli assi tematici di cui si compongono i Programmi Operativi FSE e gli importi assegnati per assi tematici dei Programmi Operativi FESR. Cliccando sulla mappa interattiva è possibile selezionare gli indicatori e l’elenco dei progetti per ciascuna delle regioni oggetto dell’approfondimento. 

Nelle schede dei progetti, nella sezione “Vuoi saperne di più”, sono visualizzabili grafici e indicatori su: dettaglio dei corsi (numero iscritti) e interventi finanziati (importi); tipologia di beneficiari finali (alunni, adulti, docenti); numero di iscritti per ambiti disciplinari (per i progetti FSE) e importi assegnati per tipologia infrastrutturale (per i progetti FESR); tasso di completamento (rapporto tra attestati rilasciati e iscritti al corso) e costo per iscritto (rapporto tra importi dei corsi e alunni iscritti agli stessi).

Infine, anche nelle schede dei Soggetti coinvolti, nella sezione “Anagrafica e altri dettagli”, si possono scaricare gli open data MIUR e si forniscono le seguenti informazioni: indirizzo completo, numero alunni, numero plessi, numero docenti, numero progetti attuati dal soggetto, e i seguenti indicatori: tasso di iscrizione (rapporto tra studenti/docenti iscritti ai corsi di formazione attivati nella scuola e il totale degli studenti/docenti della scuola); tasso di completamento (rapporto tra attestati rilasciati ed iscritti al corso); numero di iscritti per ambiti disciplinari (FSE) e importi assegnati per tipologia infrastrutturale (FESR); costo per iscritto (rapporto tra il numero medio annuo di alunni iscritti e il corrispondente totale della scuola).

I soggetti coinvolti dai progetti delle politiche di coesione possono essere pubblici o privati (un'Amministrazione pubblica, un’istituzione senza fini di lucro, un individuo o un'impresa) e svolgere, in relazione a uno o più progetti, due diversi ruoli:

  • Programmatore: ossia il soggetto cui compete la decisione di finanziare il progetto. Si tratta generalmente di un'amministrazione pubblica centrale o regionale.
  • Attuatore: ossia il soggetto responsabile dell'attuazione del progetto. Nel caso dei Fondi Strutturali 2007-2013 corrisponde al cosiddetto "beneficiario" (art. 2 del Regolamento CE n.1083/2006) ossia il soggetto che percepisce il contributo finanziario. L’attuatore può a sua volta avvalersi di altri soggetti nella realizzazione del progetto, ma secondo i regolamenti del ciclo 2007-2013 questi non sono necessariamente tracciati nel sistema di monitoraggio.
  • Beneficiario: è definito come un organismo pubblico o privato responsabile dell'avvio e/o dell'attuazione delle operazioni. Nel caso di progetti compresi in programmi finanziati con FEASR o FEAMP coicinde con una persona fisica. Nel caso di progetti classificati come aiuti di Stato il beneficiariio è il soggetto che riceve l'aiuto, e nel caso il progetto si configuri come uno strumento finanziario il beneficiario è l'organismo che attua lo strumento finanziario.
  • Realizzatore: è il soggetto che realizza effettivamente il progetto. Nel caso di opere e lavori pubblici coincide con la società titolare del contratto di appalto che esegue materialmente l'opera. Analogamente per un progetto di acquisto di beni o servizi, il realizzatore è individuabile nella società titolare del contratto di appalto chiamata a fornire i beni o ad erogare il servizio.

Nel caso di progetti delle politiche di coesione per i quali l'Amministrazione responsabile abbia riportato nel Sistema di monitoraggio unitario nel titolo o tra i soggetti coinvolti dal progetto stesso, il codice fiscale di una persona fisica, questo non viene pubblicato sul portale OpenCoesione e viene mascherato utilizzando l’espressione *codice fiscale*.

Nel caso di progetti destinati a individui appartenenti a categorie svantaggiate, il mascheramento si estende anche a nome e cognome, utilizzando l’espressione *individuo*.

Qui puoi trovare i dettagli su termini e condizioni d’uso del portale OpenCoesione.

Per ogni progetto in attuazione sono disponibili in OpenCoesione le date relative all'iter procedurale per ciascun progetto, dall'inizio fino alla conclusione delle attività. L’iter procedurale cambia in funzione della natura dei progetti (ad esempio l’iter di un progetto di natura infrastrutturale è più articolato dell’iter di un progetto per  acquisto di beni o servizi.

Attenzione! Trattandosi di variabili che le Amministrazioni competenti non hanno obbligo di provvedere nel Sistema di monitoraggio unitario, fonte dei dati di OpenCoesione per i progetti in attuazione, le informazioni sui tempi di inizio e fine del progetto non sono sempre disponibili. In particolare la data di fine progetto potrebbe non essere stata caricata nel sistema di monitoraggio anche se l’intervento è concluso. Per valutare lo stato di esecuzione del progetto può essere quindi utile guardare non solo a queste informazioni ma anche al rapporto tra pagamenti effettuati e finanziamento totale del progetto stesso.

Per OpenCoesione la variabile “finanziamento totale pubblico” rappresenta la parte di valore finanziario di un progetto proveniente da fonti pubbliche di finanziamento. Esso comprende, oltre alle risorse comunitarie e nazionali specificatamente destinate alla coesione, anche le risorse pubbliche di altro tipo (ad esempio, risorse ordinarie stanziate da Comuni, Province, Regioni) per cui ciascun progetto finanziato in ambito di politiche di coesione può fare da volano.

Il "costo pubblico" di un progetto è il finanziamento totale pubblico al netto delle economie , ed è il valore visualizzato nella home page, nelle pagine aggregate del portale e nelle schede di ciascun progetto. (cfr. variabile OC_FINANZ_TOT_PUB_NETTO calcolata come differenza tra il campo FINANZ_TOTALE_PUBBLICO e il campo ECONOMIE_TOTALI_PUBBLICHE).

Nei dataset Progetti scaricabili nella sezione Open Data del portale OpenCoesione, la variabile sul finanziamento totale pubblico è presente come FINANZ_TOTALE_PUBBLICO, mentre il costo pubblico, ovvero il finanziamento totale pubblico netto, è presente come OC_FINANZ_TOT_PUB_NETTO. Il file Metadati riporta le descrizioni dettagliate.

Nella serie dei pagamenti pubblicata su OpenCoesione, ottenuta da variabili del Sistema di Monitoraggio Unitario alimentato dalle Amministrazioni responsabili, sono compresi anche i recuperi, cioè i movimenti di segno opposto ai pagamenti che costituiscono la restituzione di somme precedentemente erogate (attinenti ad esempio ad anticipi su progetti successivamente non ritenuti ammissibili o non rifinanziati e di cui viene quindi richiesto al beneficiario il rimborso). La variabile pagamenti, quindi, può presentare anche valori negativi.

La serie corrisponde alle spese sostenute dal beneficiario (o attuatore) del progetto ad eccezione del caso del conferimento di risorse ad un fondo di garanzia dove il pagamento si riferisce al trasferimento al fondo delle risorse stesse.

Nei dataset Progetti con tracciato esteso e Progetti e scaricabili nella sezione Scarica gli Open Data del portale, la variabile pagamenti è presente come TOT_PAGAMENTI, sono inoltre presenti le variabili OC_TOT_PAGAMENTI_RENDICONTABILI_UE, OC_TOT_PAGAMENTI_FSC e OC_TOT_PAGAMENTI_PAC, che rappresentano dei sottoinsiemi della prima. Nel file Metadati se ne fornisce una descrizione dettagliata.

A partire dall’aggiornamento al 31/12/2016 il dataset Pagamenti contiene il dettaglio puntuale dei pagamenti riferiti alle singole date in cui sono stati effettuati, mentre nei precedenti aggiornamenti i dati erano presentati in forma di serie aggregata bimestrale dei pagamenti cumulati.

Le economie che possono verificarsi nell’attuazione del progetto sono relative a minori spese rispetto a quanto preventivato, cioè risorse risparimate che possono essere riutilizzate in altro modo, di norma per altri interventi nell'ambito dello stesso Programma o strumento attuativo.

I risparmi di spesa, in genere, possono essere dovuti a:

  • economie a seguito delle procedure di gara per l’affidamento dei contratti previsti per l'attuazione del progetto
  • economie rilevate in corso d’opera per rimodulazione del quadro economico
  • economie finali per minori spese, registrate nella contabilità finale del progetto.

Su OpenCoesione, in base alla classificazione dello “stato del progetto”, un progetto può risultare non avviato, in corso, liquidato (qualora a un avanzamento finanziario completato, e cioè superiore al 95%, non sia associata la fine dell’ esecuzione del progetto) o concluso. Per la descrizione puntuale della definizione della variabile sullo “stato del progetto” e delle modalità che può assumere si rimanda ai file dei metadati che accompagnano i dataset nella sezione Scarica gli open data

Per progetto concluso si intende un progetto che presenta contemporaneamente un avanzamento finanziario superiore al 95 per cento e una data di fine esecuzione anteriore a quella dell’ultimo monitoraggio. Per avanzamento finanziario si intende il rapporto tra i pagamenti e il totale del finanziamento totale pubblico al netto delle economie.

Qualora per un progetto presente nel Sistema di monitoraggio unitario fino a una certa data di aggiornamento si modifichi il piano finanziario, non includendo più risorse delle politiche di coesione, esso assumerà nel Sistema le caratteristiche di progetto inattivo. Le ragioni dell’inattività (es. revoche, sospensioni, sostituzione con altri progetti) sono tali per cui un progetto inattivo non è necessariamente un progetto che non esiste più. Perché sia restituita una fotografia quanto più completa delle politiche in corso di attuazione sul territorio italiano, questi progetti possono continuare ad essere visualizzati sul portale OpenCoesione, ma sono esclusi da conteggi e ricerche e non ricompresi nei dataset open data.

Si tratta di un'aggregazione di:

  • temi prioritari e campi d'intervento UE associati ai singoli progetti cofinanziati rispettivamente per il ciclo 
  • classificazioni settoriali del Sistema CUP

I 13 temi sintetici sono: Ricerca e innovazione, Agenda digitale, Competitività per le imprese, Energia e efficienza energetica, Ambiente e prevenzione dei rischi, Attrazione culturale, naturale e turistica, Trasporti e infrastrutture a rete, Occupazione e mobilità dei lavoratori, Inclusione sociale, Servizi di cura infanzia e anziani, Istruzione e formazione, Rinnovamento urbano e rurale, Rafforzamento delle capacità della PA.

Per un raccordo con i temi prioritari UE e con la classificazione CUP consulta il raccordo temi sintetici.

Attenzione! Nell'attribuzione di un progetto a un tema sintetico, guida il raccordo con i temi prioritari UE (e solo in sua assenza guida la classificazione CUP).

I valori pro capite riportati nel portale sono calcolati prendendo in considerazione il finanziamento complessivo (ovvero il pagamento complessivo) dei progetti che sono associati al Comune, alla provincia o alla regione diviso per la popolazione residente di fonte Istat dello stesso comune, provincia o regione al 31/12/2011.

I valori pro capite regionali tengono conto di tutti i progetti localizzati a un livello regionale o inferiore, i valori pro capite provinciali di tutti i progetti localizzati a livello provinciale o comunale, i valori pro capite comunali di tutti i progetti localizzati a livello comunale. Non sono quindi considerati per i valori pro capite comunali eventuali progetti di livello provinciale o regionale.

I progetti localizzati in “ambito nazionale” contribuiscono solo al calcolo del valore pro capite medio nazionale riportato come elemento di confronto nella barra degli indicatori.

Attenzione! Nel caso di un progetto multilocalizzato, ovvero localizzato in più di un comune o in più di una provincia o in più di una regione, su OpenCoesione a ciascun territorio è associato il suo intero finanziamento.

Ciascun progetto è localizzato a un livello territoriale che può essere nazionale, regionale, provinciale o comunale.

La mappa regionale rappresenta tutti i progetti localizzati a un livello regionale o inferiore, la mappa provinciale tutti i progetti localizzati a livello provinciale o comunale. Non sono quindi visualizzati nella mappa provinciale eventuali progetti di livello regionale. I progetti localizzati in ambito nazionale non sono rappresentati in alcuna mappa, poiché le mappe solo almeno di livello regionale.

Attenzione! Uno stesso progetto può essere localizzato in più comuni, province o regioni e, in tal caso, nelle mappe è interamente attribuito - a ciascun livello territoriale - a tutte le localizzazioni in cui è presente.

Le mappe rappresentano il numero di progetti localizzati e il corrispondente valore in termini di risorse (finanziamento pubblico complessivo o pagamenti effettuati).

Rispetto alla visualizzazione sulla mappa di valori pro capite, è da ricordare che questi sono calcolati prendendo in considerazione il finanziamento complessivo (ovvero il pagamento complessivo) dei progetti che sono associati al comune, alla provincia o alla regione diviso per la popolazione residente di fonte Istat dello stesso comune, provincia o regione al 31/12/2011. 

Le classi di valori rappresentate sulle mappe sono definite tramite l’algoritmo di Jenks (Jenks natural breaks classification method), un metodo che ottimizza la distribuzione in classi minimizzando la varianza all’interno di ciascuna classe (within) e massimizzando la varianza tra le classi (between).

I dati di monitoraggio sui progetti in attuazione navigabili e scaricabili dal portale OpenCoesione vengono aggiornati in concomitanza con l'aggiornamento della fonte che è Sistema di Monitoraggio Nazionale gestito dall’Ispettorato Generale per i Rapporti finanziari con l’UE (IGRUE) della Ragioneria Generale dello Stato e alimentato dalle Amministrazioni coinvolte nell’attuazione delle politiche di coesione in Italia. I dati del  Sistema di Monitoraggio Nazionale si aggiornano bimestralmente e sono resi pubblicamente disponibili su OpenCoesione a distanza di circa due mesi dalla data di riferimento. 

I dati sul contesto delle politiche di coesione sono aggiornati con cadenze diverse: ad esempio, la serie storica degli indicatori territoriali e tematici, è aggiornata mensilmente; i dati sui Conti Pubblici Territoriali annualmente. Le diverse date di aggiornamento sono riportate in calce alla descrizione dei singoli dataset nella pagina open data.

I dati di OpenCoesione sono corredati da metadati e licenza di utilizzo.  I dati sono disponibili in formato CSV. In alcuni casi i file sono compressi per facilitarne il download.

Le impostazioni dei file CSV di OpenCoesione sono:

·         tipo di carattere: Unicode (UTF-8)

·         lingua: Italiano (Italia)

I file CSV sono impostati con la virgola come separatore delle cifre decimali, secondo lo standard europeo.

Gli Open data sui progetti finanziati con le politiche di coesione sono organizzati in forma relazionale: "Progetti" è il dataset principale e può essere scaricato anche da solo, mentre "Localizzazioni", "Soggetti" e "Pagamenti" forniscono informazioni complementari collegate al dataset principale attraverso un campo chiave che identifica lo stesso progetto nelle diverse tabelle.

Gli Open data sul contesto delle politiche di coesione, dalla spesa certificata all’Unione Europea a dati socio economici disaggregati territorialmente, da indicatori statistici ai Conti Pubblici Territoriali.

I dati sono disponibili anche in formato JSON tramite le API di OpenCoesione.

L' API di OpenCoesione è un'interfaccia applicativa che permette a qualunque componente software esterno di accedere ai dati di OpenCoesione su progetti e soggetti finanziati dalle politiche di coesione in Italia rilasciati con licenza CC BY-SA 3.0.  I componenti software possono essere sviluppati da terze parti, utilizzando qualsiasi tecnologia. L'API di OpenCoesione adotta l'architettura REST.

Tutti possono accedere alla API, partendo dalla url http://www.opencoesione.gov.it/api.

L'API è navigabile con i browser attraverso dei link ipertestuali, come un normale sito web. E' possibile accedere a tutti i dati sia con utenza anonima per un massimo di 12 richieste al minuto sia con utenza registrata per un massimo di 60 richieste al minuto. La richiesta di registrazione deve essere inviata all'indirizzo email info@opencoesione.gov.it.

I dati sono disponibili in formato HTML e in formato JSON. Il formato HTML permette la navigazione tra i dati e la visualizzazione della documentazione integrata (in lingua inglese), che descrive l'utilizzo avanzato, a beneficio degli sviluppatori. Le risorse sono presentate in formato HTML, se non altrimenti specificato e per accedere al formato JSON di una risorsa, basta aggiungere .json.

Un esempio:

http://opencoesione.gov.it/api/progetti (HTML)

http://opencoesione.gov.it/api/progetti.json (JSON)

 

Sono esposte queste risorse principali:

Progetti - Elenco dei progetti, filtrabili per tema, natura o territorio

Soggetti - Elenco dei soggetti, filtrabili per tema e ruolo

Aggregati - Informazioni aggregate, rispecchiano le informazioni mostrate nelle pagine del sito.

Per semplificare il lavoro degli sviluppatori, sono disponibili anche degli elenchi accessori:

Nature - Elenco delle nature dei progetti

Temi - Elenco dei temi sintetici dei progetti

Territori - Elenco dei territori

Programmi - Elenco dei programmi (sia comunitari che nazionali)

I dati di OpenCoesione sono rilasciati con la licenza CC BY-SA 3.0 .

Si tratta della licenza Creative Commons 3.0 Italia con condizioni di utilizzo BY (Attribuzione) e SA (Condividi allo stesso modo). È dunque possibile riprodurre, distribuire e comunicare al pubblico dati e analisi; modificarli e adattarli; usarli per fini commerciali riportando sempre la fonte indicata e distribuendo qualsiasi riuso dei dati con una licenza identica o equivalente.

La scelta della condizione Share Alike (SA) è volta alla possibilità di far circolare anche i nuovi prodotti nati dal riuso di OpenCoesione nel modo più aperto possibile, in particolare per migliorare la qualità dei dati e per favorire la diffusione della cultura open.

I confini di regioni, province e comuni sono estratti dagli Shape Files (SHP) ufficiali dell'Istat.

Il portale OpenCoesione è un’applicazione web sviluppata su Django/Python utilizzando Postgresql/Postgis come Database per lo storage dei dati e uWSGI/Nginx come web server. I dati testuali e numerici di progetti e beneficiari sono indicizzati attraverso il motore di indicizzazione e ricerca di documenti Apache Solr.

Questi gli elementi che compongono lo stack software di OpenCoesione:

·         jQuery
·         bootstrap
·         fontawesome
·         PT Sans open font
·         Nginx
·         gunicorn
·         django
·         solr
·         redis
·         postgres
·         postgis
·         NumPy
·         PySal
·         docker
·         Ubuntu 16.04 server di Gnu-Linux

Il codice dell'applicazione è consultabile a questo indirizzo: https://gitlab.depp.it/depp/open-coesione-2