11/03/2021

Aggiornamento dati al 31 dicembre 2020

Sono disponibili sul portale OpenCoesione i dati aggiornati al 31 dicembre 2020 sull’attuazione dei progetti delle politiche di coesione, relativi ai periodi di programmazione 2007-2013 e 2014-2020. Il costo pubblico complessivo degli interventi visualizzati sul portale è pari a 186,2 miliardi di euro. Per quanto riguarda i pagamenti, il totale è pari a 95,8 miliardi di euro.

Al 31 dicembre 2020 i progetti presenti sul Sistema nazionale di monitoraggio e quindi pubblicati su OpenCoesione sono 1.665.693, circa 41mila in più rispetto al bimestre precedente.

Sono oltre 300 i Piani e i Programmi attualmente monitorati. Due quelli entrati in monitoraggio per la prima in quest’ultimo bimestre, che presentano quindi progetti in attuazione. Entrambi sono relativi al periodo di programmazione 2014-2020. Si tratta di
- Metanizzazione Mezzogiorno, nell’ambito del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, con 60 milioni di euro di costo pubblico monitorato e 29 progetti;
- gli interventi sui servizi nell’ambito della Strategia aree interne Regione Puglia, finanziati con risorse ordinarie, con 1,5 milioni di euro di costo pubblico monitorato e 11 progetti.

Per quanto riguarda la natura degli investimenti, il 54% del costo pubblico monitorato finanzia interventi relativi ad infrastrutture (per oltre 99,9 miliardi di euro), mentre il 25% garantisce l’acquisto di beni e servizi (per complessivi 47,3 miliardi di euro). Questo dato varia leggermente se guardiamo solo al ciclo di programmazione in corso (2014-2020), dove le infrastrutture sommano il 52% dei finanziamenti e l’acquisto di beni e servizi il 24%.

In termini economici, il progetto più importante tra quelli entrati nel perimetro del Sistema nazionale di monitoraggio e quindi su OpenCoesione riguarda la Cassa Integrazione Guadagni (CIG) in deroga per lavoratori a rischio licenziamento a causa dell’emergenza sanitaria per Covid-19, con un costo pubblico di 193.610.000,00 euro. Un intervento della Regione Lazio, finanziato nell’ambito del POR FSE Lazio, che ha coinvolto oltre 110mila persone.