22/11/2018

Le ricerche di ASOC sui Beni Confiscati

Presentato in occasione del lancio del portale ConfiscatiBene 2.0 il video che raccoglie i contributi degli studenti che, nel corso delle cinque edizioni  di “A Scuola di OpenCoesione” (ASOC), hanno effettuato ricerche di monitoraggio civico su  Beni Confiscati alle mafie e alla criminalità organizzata restituiti alla collettività.

I progetti selezionati  hanno impegnato gli studenti  nel monitoraggio di attività di ristrutturazione e riconversione di beni immobili da destinare all’inclusione sociale, alla diffusione della cultura della legalità e allo sviluppo sostenibile del territorio.

 

Le ricerche ASOC sui Beni Confiscati from OpenCoesione on Vimeo.

Di seguito l’elenco dei team e dei progetti presentati nel video:

  • Il team “I Confiscati” ( ASOC  20172018) che ha realizzato un lavoro di ricerca sul  Progetto di Recupero ad uso sociale di beni confiscati alla camorra nel Comune di Casapesenna, in provincia di Caserta, da destinare al centro di aggregazione giovanile per l'arte, la cultura e ad un Ostello della gioventù;
  • Il team della provincia di Lecce “We are for legality” che nell’edizione 20162017 si è impegnato nell’analisi del progetto su Turismo responsabile e impresa sociale;
  • Il team “Giovani in Cammino” (ASOC 20142015) che ha seguito la ristrutturazione di un immobile confiscato da convertire in un Ostello della Gioventù a Locri, per poi tornare a monitorare l’avanzamento del progetto lo scorso anno nell’ambito dell’iniziativa ASOC Experience.
  • Il team “Dream Energy” (ASOC 20172018) che ha monitorato un Progetto Pilota “Terra di lavoro: legalità e sviluppo” impegnato nella trasformazione del bene Confiscato in un’isola ecologica nella provincia di Caserta;
  • Il team “#School4Legality”  (ASOC 20172018),  impegnato nel monitoraggio di alcuni edifici confiscati a Vibo Valentia che avrebbero dovuto essere utilizzati a scopo educativo e per la promozione della cultura della legalità;
  • Il "team-Pulini all’illegalità” (ASOC 20172018) che si è occupato di verificare la ristrutturazione di un immobile confiscato alla mafia a Palermoper la costituzione di una base scout internazionale A.G.E.S.C.I. orientata alla promozione della legalità;
  • Il team “Social Forces” di Reggio Calabria (ASOC 20142015),  concentrato sull’utilizzo di un bene confiscato per la realizzazione di un centro di accoglienza e di formazione per i migranti per l'inserimento sociale e lavorativo.

Le Pillole di approfondimento di OpenCoesione sul tema “Beni Confiscati” sono la Pillola n. 19 e la Pillola n. 27, mentre il sottoinsieme di progetti delle politiche di coesione sono disponibili in formato .csv negli approfondimenti tematici della sezione open data e ricercabili e navigabile utilizzando il filtro Focus “Beni Confiscati”.