15/12/2021

Un nuovo focus dedicato ai progetti per contrastare l'emergenza Covid-19

Con il rilascio dei dati aggiornati al 31 agosto 2021 viene pubblicato per la prima volta nella sezione open data del portale OpenCoesione il focus dedicato ai progetti realizzati nell’ambito della Strategia per il contrasto dell’emergenza Covid-19 con le politiche di coesione.

Si tratta degli interventi volti a contrastare gli effetti della pandemia e che sono frutto della riprogrammazione dei fondi europei e nazionali per la coesione svolta nel corso del 2020,
per i quali sono previste specifiche regole di monitoraggio, come indicate nell’ultimo aggiornamento della specifica Nota operativa  RGS_IGRUE. Le risorse ri-allocate sono state destinate anche a finanziare interventi di spesa a carico dello Stato (come ad esempio la cassa integrazione in deroga o l’acquisto di materiali sanitari per contrasto e prevenzione della pandemia).

Il focus raccoglie, al 31 agosto 2021, 60.871 progetti per un costo pubblico totale pari a 7,1 miliardi di euro, quasi interamente coperto da risorse della coesione (7,0 miliardi di euro) con impegni che ammontano a 6,7 miliardi di euro e pagamenti effettuati per 4,9 miliardi di euro.

In termini di distribuzione territoriale, il 28% dei progetti finanziati riguardano l’ambito nazionale o trasversale, circa il 33% il Centro-Nord e il 40% il Mezzogiorno. Sono i programmi finanziati con fondi europei a sostenere per il 98% le risorse monitorate in associazione a interventi per contrasto dell’emergenza Covid-19 (rispettivamente Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale circa 64% e Fondo Sociale Europeo per il 34% circa), mentre quelli sostenuti dai fondi nazionali per la coesione (Fondo Sviluppo Coesione e Programmi Operativi Complementari) garantiscono il 2% dei fondi.

Le risorse sono inoltre concentrate, per oltre il 77% del totale monitorato, su progetti di elevata dimensione finanziaria (costo pubblico superiore ai 10 milioni di euro).

Relativamente alla natura degli investimenti, oltre il 34% dei progetti sono dedicati all’acquisto dei beni o alla realizzazione di servizi, il 18% alla concessione di contributi a unità produttive e il 13% ad altri soggetti. Oltre il 32% degli investimenti è dedicato alla sottoscrizione iniziale o all’aumento di capitale sociale (compresi spin-off), fondi di rischio o di garanzia, mentre circa il 3% è dedicato alla realizzazione di lavori pubblici.