02/02/2021

Gli investimenti delle politiche di coesione nei musei: i dati OpenCoesione "incontrano" i beni oggetto della rilevazione Istat

Il portale OpenCoesione si è arricchito di un nuovo contenuto: all'interno della sezione "Confronta e integra" è stato infatti pubblicato il risultato dell’attività di data linkage tra il subset degli investimenti della politica di coesione nazionale ed europea in tema Cultura (oggetto di uno dei focus di policy nella sezione opendata e aggiornato bimestralmente, disponibile qui) e l’anagrafica dei 4.908 musei, gallerie, collezioni, aree e parchi archeologici, monumenti e complessi monumentali (statali e non statali) oggetto della rilevazione annuale a cura dell’Istat (anno 2018).

Il risultato dell’attività di matching tra gli interventi in ambito Cultura (con dati aggiornati a giugno 2020) e l’anagrafica dei musei rilevati da Istat (con dati aggiornati al 2018) evidenzia 1.195 interventi sia infrastrutturali sia immateriali per un costo di quasi 1,76 miliardi di euro (pari rispettivamente all’11% dei progetti e al 23% degli investimenti registrati in ambito Cultura).

Gli interventi sono realizzati in 653 musei, pari al 13% del totale dei musei rilevati da Istat, 472 dei quali sono stati interessati da un solo progetto e 181 hanno invece ricevuto più di un intervento (in tutto 723 interventi). In questi musei sono entrati, nel 2018, 37,3 milioni di visitatori (il 29% di tutti i visitatori rilevati) e hanno operato 13.734 addetti.

Il matching - risultato di un algoritmo semi-automatico sviluppato a partire dai risultati dell’hackathonLuoghi di cultura e coesione” organizzato da OpenCoesione nell’ottobre 2019 - evidenzia che circa l’80% dei progetti, sia per numero sia per costo, interessa 510 musei di proprietà o gestione pubblica. La maggior parte delle risorse sono state mobilitate per le 124 strutture museali statali del MiBACT (per un totale di circa 1 miliardo di euro, pari al 57% circa del totale): all’interno di queste strutture opera il 45% degli addetti e vi si concentra il 52% del numero totale dei visitatori (dati 2018).

Scopri di più visitando la pagina