09/09/2015

Pillola n. 23 - L’attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia

Al 30 giugno 2015, i progetti finanziati dagli strumenti programmatici delle politiche di coesione 2007-2013, monitorati nell’ambito del Sistema di Monitoraggio Unitario e delle assegnazioni a progetti effettuate da Delibere CIPE pubblicati sul portale OpenCoesione sono oltre 900.000. A essi corrisponde un valore di finanziamento pubblico pari a più di 92 miliardi di euro e 43,5 miliardi di pagamenti.

Si tratta dell’ammontare complessivo dei finanziamenti sostenuti dai fondi dedicati alle politiche di coesione e dai fondi ordinari complementari. I fondi dedicati alle politiche di coesione 2007-2013 sono il Fondo per lo Sviluppo Regionale (FESR) e il Fondo Sociale Europeo (FSE), alimentati da risorse comunitarie e integrati obbligatoriamente dal cofinanziamento dello Stato italiano, il Fondo nazionale per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) e le risorse del Piano d’Azione per la Coesione (PAC). I fondi ordinari complementari sono le risorse proprie di Stato, Regioni, Province o Comuni che concorrono alla realizzazione degli interventi finanziati. Le politiche di coesione sostengono progetti infrastrutturali e di natura immateriale e riguardano diversi ambiti tematici, dall’istruzione ai trasporti, dall’occupazione all’ambiente. La lettura settoriale dei dati di OpenCoesione consente di approfondire le scelte di policy in attuazione sui territori definendo opportunamente, laddove necessario, il perimetro dei progetti da osservare.

Il settore turismo nelle politiche comunitarie 2007-2013

Il turismo riveste da sempre un ruolo rilevante nell’ambito delle politiche di coesione comunitarie con l’obiettivo di valorizzare, in particolare nel Mezzogiorno, l’ampio potenziale teorico e contribuire a ridurre i divari territoriali. 

L’approccio delle politiche di coesione cofinanziate riconosce l’estrema importanza degli assett culturali e naturali per uno sviluppo turistico sostenibile e la forte sinergia tra risorse e il sistema di imprese turistiche (offerta di servizi di ospitatalità e accoglienza). Per definire l’insieme degli interventi finalizzati a sostenere, direttamente e indirettamente, lo sviluppo del settore turistico sono stati selezionati i progetti in attuazione con riferimento ad alcuni degli 86 temi prioritari UE associati ai progetti in base ai regolamenti della programmazione 2007-2013. In particolare:

- interventi di tutela e valorizzazione delle risorse naturali: si tratta di progetti per la promozione della biodiversità e la protezione del patrimonio naturale,  principalmente nei parchi naturali e nei Siti Natura 2000;

- interventi di tutela e valorizzazione delle risorse culturali: protezione e conservazione del patrimonio culturale, sviluppo di infrastrutture culturali o aiuti per il miglioramento dei servizi culturali;

-interventi relativi al miglioramento dei servizi turistici: progetti di infrastrutture ricettive e servizi turistici.

Va sottolineato come, in alcuni casi, i progetti con finalità turistica siano stati clasisficati, in difformità alla loro natura effettiva, nel settore “Opere e infrastrutture sociali”.

Al 30 giugno 2015 sul portale OpenCoesione risultano circa 6.700 progetti nel settore turismo, inteso come l’insieme degli interventi per risorse naturali, culturali e servizi turistici, per un finanziamento totale pubblico di circa 4,1 miliardi di euro (inclusivo del cofinanziamento nazionale), di cui la quasi totalità è coperta dal FESR e circa il 70 per cento (4.300 progetti per circa 2,9 miliardi di euro) è concentrato nelle regioni Campania, Calabria, Puglia e Sicilia. Si tratta di interventi previsti nei Programmi Operativi Regionali (POR) e, limitatamente alle quattro regioni sopra richiamate, nel Programma Operativo Interregionale (POIN) “Attrattori culturali e risorse naturali”.

Tabella 1. Programmazione e attuazione dei finanziamenti FESR per il settore turismo per macro-categorie: risorse naturali, risorse culturali e servizi turistici - dati in milioni di euro al 30 giugno 2015

Note:

(1) Non sono inclusi i progetti turistici classificati nel tema prioritario UE “Progetti integrati per la rigenerazione urbana e rurale” per un valore totale di circa 472 milioni di euro.

(2) Gli importi del POIN non considerano le risorse destinate all’assistenza tecnica del Programma.

 

L’articolazione degli interventi considerati nel settore turismo, ed in particolare di quelli sostenuti dal Fondo per lo Sviluppo Regionale, vede la distinzione in tre macro-categorie, dedicate rispettivamente a risorse naturali, risorse culturali e servizi turistici. La lettura dei dati di attuazione così disaggregati e il confronto con le risorse programmate, consentono di comprendere le scelte di policy effettuate e il reale avanzamento delle strategie in corso di realizzazione nei territori. Il confronto è effettuato considerando i dati programmatici ridefiniti, rispetto all’avvio del ciclo 2007-2013, a seguito della riduzione del cofinanziamento nazionale dei programmi comunitari intervenuto a partire dal 2011. 

Il confronto evidenzia come, in una fase prossima alla conclusione del ciclo 2007-2013, le Regioni abbiano attivato, soprattutto nel Mezzogiorno, diversi progetti in overbooking (risorse in attuazione superiori a quelle programmate). A livello complessivo il fenomeno è particolarmente rilevante per gli ambiti relativi alle Risorse culturali e ai Servizi turistici, dove si concentra maggiormente il finanziamento destinato al settore. 

 

La preminenza delle risorse rivolte alla cultura

 

Le politiche comunitarie 2007-2013 vedono la centralità, in termini di risorse allocate a progetti, degli interventi che fanno perno sulla valorizzazione della cultura rispetto alle risorse destinate alla tutela della natura e quelli più direttamente rivolti ai servizi turistici. 

Un’analisi di dettaglio, effettuata per parola chiave sul titolo di circa un quinto dei progetti considerati (vedi file Metadati), consente inoltre di raccogliere ulteriori elementi sugli interventi del settore turistico. In particolare si evidenziano:

-circa 360 milioni di euro di finanziamento pubblico articolati in 450 interventi per tutela e valorizzazione della rete Natura 2000;

-circa 400 milioni di euro e oltre 400 interventi per conservazione e valorizzazione di musei;

-circa 120 milioni di euro e quasi 200 interventi per conservazione e valorizzazione di  aree archeologiche; 

-circa 110 milioni di euro e quasi 250 interventi per il potenziamento/riqualificazione della ricettività turistica.

 

Calabria, Campania, Puglia e Sicilia: molti interventi nel turismo

 

La maggior parte del finanziamento per il settore turistico è destinato al Mezzogiorno e in particolare alle regioni dell’obiettivo Convergenza 2007-2013, dove il fenomeno dell’overbooking è, come si è detto, rilevante e presenta, in molti casi, valori di attuazione più prossimi a quanto programmato ad inizio ciclo rispetto a quanto riprogrammato a partire dal 2011, a seguito della riduzione del cofinanziamento nazionale ed al conseguente ridimensionamento che ha interessato anche l’impegno finanziario rivolto al turismo. Da osservare come in Puglia e in Campania il valore dei progetti attivati al giugno 2015 abbia addirittura superato le risorse programmate nel 2008. 

 

Grafico 1. Programmazione e attuazione (al 30 giugno 2015) dei finanziamenti FESR al settore turismo per Programma Operativo – milioni di euro

 

Un terzo dei progetti del settore turismo risultano conclusi a giugno 2015

Per progetto concluso si intende un progetto che registri un rapporto tra pagamento e finanziamento sueriore al 99 per cento e che allo stesso tempo presenti una data di fine progetto anteriore alla data dell’ultimo monitoraggio a cui fanno riferimento i dati. I progetti conclusi al 30 giugno 2015 nel settore turismo sono 2.400, per un valore di circa 880 milioni di euro, di cui oltre la metà finanziati dal POIN “Attrattori culturali, naturali e turismo” che ha registrato una performance finanziaria decisamente migliore rispetto alla maggior parte dei progetti attuati tramite programmazione regionale, chiudendo interventi per un finanziamento totale pubblico pari a circa la metà di quelli avviati (450 milioni per 717 interventi). 

Molto più modesta la performance registrata in generale dalle regioni del Mezzogiorno, che hanno chiuso progetti per un decimo delle risorse destinate all’attuazione di progetti nel settore tusristico e nel caso della Campania per solo il 4 per cento delle risorse allocate (progetti conclusi per un totale di 24 milioni su un totale di 623 milioni allocati a progetti nel settore). Dall’analisi per destinazione delle risorse si evince che gli interventi destinati ai “musei” e alla categoria definita “ricettività turistica” hanno registrato una performance finanziaria migliore di quelli rivolti alla categoria “Natura 2000” e alle “aree archeologiche”. Del primo gruppo quasi un terzo dei progetti risulta chiuso, mentre nel secondo gruppo sono stati portati a termine meno del 20 per cento dei progetti.

 

Quali i progetti con maggiore finanziamento?

Gli interventi rivolti al turismo sono solitamente di piccole dimensioni, il finanziamento medio si aggira infatti intorno ai 600.000 euro. Solo 44 interventi presentano un finanziamento maggiore di 10 milioni di euro e di questi 9 sono finanziati dal POIN “Attrattori culturali, naturali e turismo”, a partire dai conferimenti al “Fondo di garanzia PMI” (80 milioni di euro) per rafforzare il sistema delle imprese turistiche e di quelle operanti nelle filiere connesse alla fruizione turistica nelle Aree e nei Poli di attrazione culturale e naturali, alla riqualificazione del teatro San Carlo di Napoli (63 milioni di euro) e al restauro e recupero funzionale del teatro Petruzzelli di Bari (32 milioni di euro), entrambi avviati su precedenti programmazioni. Il Programma Operativo FESR della Regione Campania finanzia invece, con circa 76 milioni di euro, il grande progetto destinato al “Parco Urbano di Bagnoli”. Da segnalare come il “Grande progetto Pompei”, avviato con il sostegno della Commissione Europea e finanziato con il POIN “Attrattori culturali, naturali e turismo”, comprenda ben 62 interventi che, nel complesso, raggiungono un finanziamento totale di circa 120 milioni di euro, pur essendo in larga parte articolato in progetti di importo inferiore alla soglia dei 10 milioni.

  

Per ulteriori approfondimenti, sono disponibili il dataset con l'elenco dei progetti di OpenCoesione cofinanziati da risorse comunitarie e  collegati al tema del turimo (aggiornamento al 30 giugno 2015) e il file con i metadati e i criteri di definizione dell’universo di riferimento.

Per ulteriori informazioni di carattere generale su OpenCoesione è possibile consultare le domande frequenti (FAQ).