Storie di progetto

“Tutti a Iscol@”: in Sardegna l’innovazione digitale corre tra i banchi scolastici

Il progetto in breve

Tutti a Iscol@”: in Sardegna l’innovazione digitale corre tra i banchi scolastici

La storia del progetto

Nel mondo iperconnesso e ormai contaminato dall’intelligenza artificiale, è sempre più necessario dotare le giovani generazioni di conoscenze e strumenti in grado di far fronte alle sfide del presente, perché è a partire dai banchi di scuola che l’innovazione deve essere appresa e praticata.

È da queste basi che ha preso le mosse il progetto Tutti a Iscol@ - Linea B3 IDEA, dove IDEA sta per Innovazione Didattica e Apprendimento. L’iniziativa, finanziata dall'Assessorato della Pubblica Istruzione della Regione Autonoma della Sardegna con risorse pari a circa 1 milione e mezzo di euro provenienti dal Piano di Azione e Coesione (azione “Scuola Digitale”), è stata realizzata con la collaborazione dell’agenzia regionale Sardegna Ricerche, con l’obiettivo esplicito di potenziare l’utilizzo dell'innovazione tecnologica nelle scuole, accompagnando e supportando i docenti nella sperimentazione di nuove pratiche, metodi e strumenti basati sull'uso critico e ragionato delle tecnologie digitali.

 

Robotic coding
Ph. Mike MacKenzie

L’intervento – in continuità con la linea B2, che nel triennio precedente aveva coinvolto diverse scuole in laboratori extracurriculari sull’innovazione digitale – ha coinvolto oltre 120 scuole pubbliche secondarie di I e II grado dell’intera regione negli anni scolastici dal 2018 al 2021, con un percorso di sperimentazione suddiviso in due tempi.

Nella prima fase, 60 “tutor didattici e tecnologici” selezionati dal CRS4 – Centro di Ricerche, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (soggetto attuatore del progetto) hanno guidato circa 400 docenti nella sperimentazione di nuovi metodi e strumenti didattici. Nela seconda fase, gli stessi insegnanti hanno trasferito nelle aule, a circa 8.000 studenti, le pratiche innovative apprese dai tutor.

 

Tre gli ambiti tecnologici sui quali si è concentrata la sperimentazione: Realtà aumentata (AR), per portare l’apprendimento oltre gli spazi e i tempi della scuola attraverso la creazione di contenuti in AR con smartphone e pc, Pensiero computazionale, per accrescere le competenze tecnologiche su Robotica, Internet delle cose e Coding, e Intelligenza artificiale, per creare connessioni e mappe concettuali tra docenti e studenti in grado di potenziare l’interdisciplinarietà digitale nella didattica ordinaria.

Su questi terreni hanno preso vita le esperienze didattiche e laboratoriali che le scuole, suddivise in 4 gruppi progettuali con un istituto scolastico capofila per ciascun gruppo, hanno portato avanti. In particolare, i gruppi hanno lavorato su altrettanti progetti selezionati dal CRS4 tra quelli presentati dalle scuole che hanno risposto all’avviso pubblico di Tutti a Iscol@: “#Ajoaiscol@” della scuola capofila Istituto Tecnico Professionale “Ianas” di Tortolìc, che ha coinvolto istituti secondari di II grado e istituti comprensivi di I grado nel territorio di Nuoro,IDEA provincia Sassari 1” della scuola capofila Istituto Comprensivo “Satta–Fais” di Perfugas che ha raggruppato istituti superiori e istituti di I grado nella provincia di Sassari, “Innovare il pensiero” della scuola capofila IIS “S.A. De Castro” di Oristano che ha coinvolto scuole secondarie di I grado e di II grado nel territorio di Oristano, e “Tecnologie innovative digitali e didattica” della scuola capofila “Asproni-Fermi” di Iglesias, che ha raggruppato numerose scuole tra istituti secondari di primo e secondo grado nel territorio del Sud Sardegna e della Città Metropolitana di Cagliari.

Simulatore realtà virtualeNell’ambito dell’iniziativa complessiva è stata anche realizzata una piattaforma tecnologica ad hoc per tutor e docenti, pensata per fornire uno spazio di progettazione, produzione, condivisione e utilizzo dei contenuti prodotti da tutor e docenti nelle sperimentazioni.

A corredo delle attività sperimentali sono stati inoltre organizzati numerosi seminari e webinar dedicati ai docenti sulle tematiche portanti del progetto, dalla robotica educativa alla didattica immersiva, dalla cybersecurity alle opportunità dell’intelligenza artificiale applicata alla realtà scolastica.

Grazie alle sue caratteristiche, “Tutti a Iscol@” è l’esempio del modo in cui le politiche di coesione intervengono per permettere alle giovani generazioni di non perdere il passo, sempre più veloce, dell’innovazione digitale.